La nostra tradizione
La produzione

La PORCELLANA: Il periodo aureo della porcellana napoletana del settecento è rappresentato dal motivo del vedutismo, particolarmente apprezzato e sentito da Ferdinando IV di Borbone, che per la prima volta fece realizzare un servizio di piatti decorato con le vedute dei più bei panorami di Napoli, dei suoi dintorni, e dei più caratteristici centri meridionali: il “Servizio delle Vedute Napoletane”, meglio conosciuto come Servizio dell’oca usato nella Reggia di Napoli in occasione dei grandi banchetti ufficiali. Durante il primo ottocento il successo delle porcellane decorate con le vedute di Napoli continuò la sua ascesa, per oltre cinquanta anni questi prototipi dipinti su porcellana vennero ripetuti ed anche aggiornati secondo il gusto ottocentesco. La NRS Capodimonte, desiderando riagganciarsi e riscoprire una tradizione dell’arte della porcellana napoletana che era andata dimenticata, si ~ riavvicinata con l’ausilio di storici ed esperti a questo felice tema decorativo in uso nelle fabbriche borboniche del ‘700 ed ha dato inizio ad una collezione di prodotti dipinti a mano raffiguranti le “Vedute Napolitane”. Le vedute, scelte di volta in volta da piastre in porcellana dipinte da Raffaele Giovine, dalle scene più belle del Servizio dell’Oca o dalle suggestive guache di Alessandro D’Anna, sono una raccolta sempre aperta di vedute dell’ineguagliabile città partenopea.

Ancora oggi, come nella tradizione settecentesca, questi esemplari unici realizzati a mano sono donati a personaggi illustri, come al turista colto del “Gran Tour”; il perfetto “souvenir” raffigurante le immagini più suggestive del golfo partenopeo.

Parallelamente ai servizi ispirati alle più belle vedute di Napoli, nel patrimonio artistico dei Borboni altro tema caro nel periodo ferdinandeo è rappresentato dalla riproduzione delle varie fogge del vestire in uso a Napoli e nelle provincie del regno. Ferdinando IV nel 1782 con un regio decreto incaricava alcuni pittori napoletani che lavoravano nella fabbrica di percorrere le provincie del regno e di riprendere dal vero i costumi popolari che i contadini usavano indossare descrivendoli nei minuti dettagli in schizzi eseguiti con la tecnica pittorica delle gouache. Gli artisti D’Anna e Berotti, successivamente anche con Santucci, per circa quindici anni percorrendo i più remoti centri del regno hanno elaborato belle gouace e schizzi a carboncino raffiguranti le singole figure in composizioni più artisticamente movimentate. Successivamente il Milani mise a punto una fortunatissima serie di costumi dei paesi del regno, serie riportata poi dall’incisore Aloja e stampato all’acquaforte.

Il servizio della Collezione “delle Vestiture del Regno delle due Sicilie serie G7” èun inedito servizio di piatti ispirato alle celebri e napoletanissime figure dei costumi settecenteschi, che è stato donato dalla NRS Capodimonte in occasione del vertice dei G7 nel 1994 a Napoli per la cena dei Presidenti, nel suggestivo scenario di Castel dell’Ovo arredato per l’occasione con mobili d’epoca.

In occasione del summit del G8 la dell'Aquila, la NRS ha offerto piatti unici e personalizzati, decorati con la Collezione delle “Vestiture del Regno delle due Sicilie” serie G8 recanti costumi del ‘700 Abruzzese, quale testimonianza di una delle più nobili tradizioni della porcellana non solo in Italia ma nel mondo, con la qualifica e l’origine del made in Italy doc.

“GIUSTINIANI”:Inspirata alle porcellane della fabbrica dei fratelli “Giustiniani” sorta nella prima metà dell’ottocento, viene riproposta dalla NRS Capodimonte una collezione che si richiama per la forma dei prodotti, il gusto dei decori e le tecniche di lavorazione a quella produzione che racchiude per eccellenza la tradizione napoletana dell’arte del “gran fuoco”. Vasi dalle forme più diverse ed eleganti in porcellana e ceramica ornati con applicazioni in bassorilievo, con forme tonde ed ovali, lucide e bisquit, o con decori a colori a “terzo fuoco”, ed ancora candelabri, scatole e anche statuine raffiguranti personaggi d’epoca, colonne, centri tavola. Un genere di prodotto di decoro e di arredo della casa ed anche della tavola i cui tratti architettonici, simbolo della “napoletanità”, ben si armonizzavano con il gusto moderno.

I FIORI: La lavorazione dei fiori, che ancor oggi costituisce l’aspetto della produzione ceramica napoletana più conosciuta nel mondo ed impropriamente denominata “Capodimonte”, discende come evoluzione stilistica dalla chiusura delle fabbriche borboniche (di Carlo III prima e Ferdinando IV poi) per mano di fabbriche private di famiglie di tecnici e di lavoranti formati alla scuola delle manifatture reali, che dalla metà dell’ottocento diedero vita ad una vasta ed articolata produzione di ceramiche rispondenti ai mutamenti sociali ed economici del tempo. I prodotti cosidetti “tradizionali” sono esemplari di una linea legata ideologicamente ai canoni estetici filtrati attraverso esperienze naturalistiche. Comprende modelli di vasellame con decori applicati di fiori e frutta in rilievo o con applicazioni sovrapposte sia bianchi che policromi di diverse e numerose dimensioni. Ed ancora fiori singoli e composizioni floreali, cestini e coppe in porcellana lavorate con la tecnica “a spaghetto” anche ornate di decorazioni floreali.

L’armonia strutturale delle figurine e il movimento delle composizioni denotano la bellezza e l’eleganza delle sculture, lavorate a colaggio e modellate a mano.

 

 
 Nuovi Arrivi
 
 Promozioni
 
 News
I Fiori
Comprende modelli di vasellame con decori applicati di fiori e frutta in rilievo o con applicazioni sovrapposte sia bianchi che policromi di diverse e numerose dimensioni.Vengono proposti, inoltre, cestini e coppe in porcellana etc.
I Giustiniani
Vasi dalle forme più diverse ed eleganti in porcellana e ceramica ornati con applicazioni in bassorilievo, tonde ed ovali, bianchi lucidi e biscuit, o con decori a colori a "terzo fuoco".
La porcellana
Le vedute, scelte da antiche piastre in porcellana dipinte da Raffaele Giovine, dalle scene più belle del Servizio dell'Oca o dalle suggestive guaches di Alessandro D'Anna, si succederanno nel tempo e costituiranno per gli appassionati un rinnovato stimolo.
La ceramica
Servizi di piatti, da caffè e da thè, vassoi di forma rococò e neoclassici, forgiati a mano e decorati con immagini, disegni o fregi ispirati al gusto attuale
 

Pagamenti sicuri

 NRS Capodimonte - Via Remo De Feo, N. 4 - 80022 - Arzano (NA) - Italia
 Tel: 081-7311374 - Fax: 081-5734422 - Email: info@capodimonte.it - P.IVA: 07830690637
E-Commerce powered by CyberNET